Le priorità del governatore: "Via gli sprechi, cancelleremo gli enti inutili e i commissari"

Postato in Quotidiani Telematici

Paolo Di Laura Frattura annuncia davanti alla telecamera di Primonumero.it che il nuovo corso della regione avrà inizio dall’eliminazione di tutti i consigli di amministrazione di enti superflui, e dalla «modernizzazione della nostra regione». Il suo primo giorno da governatore è dedicato alla famiglia: «Cosa farò dopo il risveglio? Spero di trascorrere una giornata con la mia compagna e mio figlio». La notte trascorre tra i festeggiamenti a base di spumante e sobrietà, senza bandiere e ostentazioni.

di Assunta Domeneghetti, Chiara Maraviglia

Termoli. Il neo governatore del Molise ha appena toccato con mano la sua vittoria schiacciante, contro il rivale che per dodici anni ha tenuto in mano le sorti della regione.
La sua, e quella della Giunta che verrà, sarà una battaglia prima di tutto contro “gli sprechi”, in linea con lo slogan che ha accompagnato la campagna elettorale. “Il Molise di tutti”, appunto, non di “pochi”.
«La priorità sarà data all’annullamento di tutti i consigli di amministrazione degli enti inutili, la nostra regione dovrà essere più moderna, la burocrazia sarà il più semplice possibile», questi i primi step del nuovo governo che sarà guidato dall’architetto di Campobasso, annunciato davanti alla telecamera di Primonumero.it. Che cosa fa il neo governatore la mattina del risveglio dopo la vittoria? «Spero di godermi una mattinata con mio figlio e la mia compagna».

Alla sua famiglia dedica i primi abbracci, tra la calca riunita davanti alla sede regionale di via Roma, a Campobasso, quando ormai il suo successo alle urne è certo. «Mi fate salutare un secondo mio padre?», chiede Frattura ai tanti supporters che lo circondano di abbracci e strette di mani.
 
Ed è quello il momento più emozionante, le braccia di entrambi si uniscono per più di un minuto, e gli occhi si riempiono di lacrime di gioia. Tra battute scherzose, la lunga notte della vittoria prosegue, per la prima mezz’ora, nel quartier generale della coalizione.

E’ una festa sobria, alla quale partecipano tanti cittadini, insieme ai candidati delle liste a sostegno del presidente. Senza ostentazioni, lontana dalle feste a colpi di slogan e bandiere.

Pubblicato in Primonumero.it il 27-02-2013